Questo sito non supporta completamente il tuo browser. Ti consigliamo di utilizzare Edge, Chrome, Safari o Firefox.
Congratulazioni! Il tuo ordine ha diritto alla spedizione gratuita Mancano solo $89 per la spedizione gratuita

Puzzle per bambini: tutti i benefici

Puzzle per bambini: tutti i benefici

Puzzle per bambini: tutti i benefici

Il gioco del puzzle consiste nell’incastrare delle tessere di cartone o legno, una volta che combaceranno tutte si avrà, come risultato, un’immagine predefinita.

Questa attività, già nei primi anni di vita del bimbo, contribuisce a sviluppare molte abilità e ad apportare notevoli benefici al piccolo, tra cui:

  • lo sviluppo delle capacità cognitive: con il gioco del puzzle, bambino e genitore interagiscono tra loro avendo come obiettivo la soluzione del gioco. Affinché si possa avere un vantaggio da questa attività è però importante non lasciare da solo il bambino ma rapportarsi con lui per stimolarne l’azione;
  • lo sviluppo delle abilità spaziali: attraverso la composizione delle tessere del puzzle, il bimbo, già a 3 anni, sviluppa e rafforza le proprie abilità spazio-temporali (ovvero la capacità di percepire, agire e operare utilizzando coordinate spaziali);
  • lo sviluppo della creatività e la capacità di risolvere i problemi;
  • lo sviluppo della concentrazione, dell’attenzione e rafforzamento della memoria a breve termine;
  • lo sviluppo delle abilità logico-matematiche;
  • l’incremento della propria autostima man mano che il bimbo, aiutato da i genitori, compone il puzzle;
  • l’aumento della percezione visiva, poiché il bambino sarà costretto a focalizzarsi sui dettagli del disegno per incastrare i vari pezzi;
  • la capacità di coordinazione motoria e relazionale: attraverso l’attività il bimbo rafforzerà il legame con gli altri “compagni di squadra” sentendosi parte di un gruppo che lavora insieme per raggiungere lo stesso obiettivo.

A confermare gli enormi benefici che il puzzle apporterebbe ai bambini in età prescolare sono stati anche i risultati scientifici di uno studio svolto in una scuola elementare di Ankara dal Ministero dell’Istruzione Nazionale turco. Lo studio in questione mirava a esplorare l’effetto del puzzle design sulle aree di sviluppo dei bambini (sviluppo cognitivo, linguistico , motorio, sociale ed emotivo). I risultati hanno mostrato un incremento di tutte le abilità nel gruppo di bimbi sottoposti ad attività ludica rispetto a un secondo gruppo al quale non vi era stata data la possibilità di giocare con un puzzle.

A che età i bambini possono iniziare a giocare con i puzzle?

Sebbene giocare con i puzzle sia un’attività molto creativa e divertente, il gioco senza un aiuto concreto da parte di un adulto non è così semplice. Il bimbo può iniziare ad avvicinarsi al mondo dei puzzle a un’età compresa tra i 12 e i 18 mesi, in funzione dello sviluppo individuale di motrocita' e percezione visiva.
Anche se è solo dopo il compimento dei 2-3 anni che inizierà, attraverso prove ed errori, a capire la vera logica del gioco.

Le tipologie di puzzle per bambini di 2/3 anni

Le tipologie di puzzle disponibili sul mercato sono tantissime. Per scegliere quello più adatto al bimbo è possibile distinguere i puzzle in base a:
  • materiale con cui è realizzato;
  • alle immagini, ovvero alla composizione cromatica del disegno e ai dettagli;
  • al grado di difficoltà: generalmente insieme all’età del bambino cresce anche il grado di difficoltà del puzzle;
  • il numero e le dimensioni dei pezzi.

I puzzle possono essere di tre tipologie:

  • in legno: solitamente usati per i bimbi piccolissimi, dai 12-18 mesi in su. Si presentano con pochi cubetti di legno dalle dimensioni grandi che, uniti insieme, vanno a comporre un’immagine. È una composizione in genere molto semplice con colori vivaci che semplificano il gioco al bebè;
  • in cartone: pensati per bambini di età maggiore (dai 2 ai 4 anni), presenta un maggior numero di pezzi, forme più piccole dai contorni più delineati e disegni con dettagliati definiti, rendendo l’assembramento dei singoli pezzi del puzzle un po’ più difficile. Le dimensioni dei pezzi di puzzle possono variare da grandi a medio-piccoli, a seconda dell’età e delle abilità del bimbo;
  • puzzle a libro: questo genere di puzzle è molto versatile poiché i bambini possono sfogliarli, leggere delle storie, estrarre a piacere dei pezzi dal libro per poi ricomporli.

Lascia un commento

Ricorda che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Carrello

Congratulazioni! Il tuo ordine ha diritto alla spedizione gratuita Mancano solo $89 per la spedizione gratuita
Non ci sono altri prodotti disponibili per l'acquisto