Questo sito non supporta completamente il tuo browser. Ti consigliamo di utilizzare Edge, Chrome, Safari o Firefox.
Congratulazioni! Il tuo ordine ha diritto alla spedizione gratuita Mancano solo $89 per la spedizione gratuita

Coliche del neonato, cause,rimedi e cibi da evitare.

Coliche del neonato, cause,rimedi e cibi da evitare.

Coliche del neonato, cause, rimedi e cibi da evitare.

Esistono degli alimenti che favoriscono la formazione di gas nel pancino. Ecco i cibi da evitare per prevenire le coliche del neonato.
I termini "colica-coliche" indicano lo status in cui si trova un bambino: che piange spesso, intensamente, ed è difficile o impossibile da blandire. Gli esperti in pediatria non sono d'accordo né sulla definizione di colica-coliche, né sull’utilizzo del termine. La colica è identificata con la regola del tre: pianto, persistente per tre ore al giorno, più o meno tre volte alla settimana e per almeno tre settimane.

Le coliche del neonato quanto durano?
Il pianto sconsolato inizia solitamente nella seconda settimana di vita e prosegue fino alla fine del secondo mese per concludersi dopo i tre mesi. Per alcuni bambini è l’aria che fa male: tendono ad allungare le braccia e a irrigidire le gambe, poi piegano le braccia e le gambe sul corpo, sull’addome, lo stomaco è gonfio, teso, duro alla palpazione.
Coliche del neonato, come riconoscerle?
· un pianto improvviso senza un'apparente causa scatenante;
· il neonato inizia ad essere irrequieto
· diventa pallido stringe i pugni, flette le gambe sull'addome;
· lo provate ad allattare o a dargli il succhiotto e non trova consalazione:
· tra una crisi e l'altra può calmarsi, prendere sonno, emettere un flato che gli procura sollievo.
·Di solito (ma attenzione non è una regola) queste crisi di pianto improvvise si presentano di sera per i bambini allattati al biberon. Mentre per i bambini allattati al seno possono manifestarsi in un qualsiasi momento della giornata
Le cause della colica non sono note. Molti studi e ricerche ritengono che i bambini con coliche non hanno nessuna malattia specifica, pertanto esse sono semplicemente una manifestazione estrema di pianto durante i primi mesi di vita. Inoltre se alcuni concordano che l'eccessivo pianto è un segno di salute e vigore, altri sono convinti che c’è più di un fattore che contribuisce alle coliche:
·esempio il fumo materno
·un maggiore sviluppo del cervello piuttosto che il sistema digestivo,
·che le cause organiche sono inferiori del 5%,
·che non ci sono prove per sostenere possibili cause psicologiche, come ad esempio che i genitori non si preoccupano del bambino,
·a volte sono presi di mira degli alimenti che la mamma mangia, nel caso in cui il bebè è allattato al seno,
·altre volte, se il bimbo è svezzato, può manifestare delle intolleranze e/o allergie verso alcuni alimenti consumati.
Rimedi  contro le coliche del neonato latte materno
Un cambiamento nella dieta durante l'allattamento può pertanto essere necessario, se si sospende il consumo di prodotti lattiero-caseari o qualsiasi altro cibo che può causare coliche, si deve attendere almeno una decina di giorni prima di poter valutare l'effetto sul bambino. Tuttavia molti pediatri sono dell’idea di sfatare che alcuni cibi, come aglio, cipolle, cavoli o piatti piccanti, possano essere problematici per i bambini, adducendo che è raro che un bambino possa reagire ad un alimento che la madre ha mangiato in gravidanza o mangia quando allatta.
Nel primo anno di vita, nella maggior parte dei casi, il cibo che solitamente dà problemi, ma solo per il 5%, è il latte di mucca, uova, arachidi, noci, grano, soia e pesce. Se il bambino sembra reagire con una colica o con malessere a un cibo che la mamma mangia, si consiglia di rinunciare a questo cibo per un periodo e valutare l’eventuale reazione manifesta del bambino.
Coliche del neonato cibi da evitare
·La caffeina passa rapidamente nel latte materno, pertanto non vanno bevute più di due tazze al giorno di tè, caffè, cioccolata calda o bibite come coca cola, mentre tisane e bevande decaffeinate non sono un problema. Certamente sì a tè alla frutta, menta, lampone, lime, zenzero, the di ibisco o karkade. 
·Le bevande energetiche vanno evitate perché contengono sostanze che possono rivelarsi non idonee per il bebè, come anche il consumo di tonno in scatola (gr. 300 a settimana, perché può contenere più mercurio del tonno fresco, per il quale non c’è limitazione di assunzione. Non si dovrebbe mangiare più di una volta al mese pesce squalo, pesce spada, crostacei in genere, trota, caviale e fegato di pesce poiché questi alimenti assorbono più sostanze inquinanti rispetto ad altri, in particolare il mercurio.
· Anche i farmaci si possono trovare in piccole quantità nel latte materno e se alcuni sono compatibili con l'allattamento, altri, e anche dei prodotti naturali, possono avere effetti negativi sul bambino e/o influenzare la produzione di latte. Per questo motivo, è meglio consultare sempre il pediatra prima di prendere qualsiasi farmaco.
·L’alcol passa attraverso il latte ed ogni bicchiere di alcol richiede due o tre ore per essere rimosso dal latte materno. Il tempo di rimozione varia a seconda del peso. L'American Academy of Pediatrics, però, afferma che il consumo di alcol è compatibile con l'allattamento al seno. In effetti, l'alcol consumato saltuariamente o regolarmente in piccole quantità non sembra essere dannoso per il bambino allattato al seno, mentre l'abuso sistematico di alcol può rallentare l'aumento di peso del bambino e ostacolare il suo sviluppo. Alcol consumato in grandi quantità può anche inibire il riflesso di eiezione in alcune madri.
·Bisogna evitare di fumare sigarette o l'allattamento al seno immediatamente prima di fumare, perché la nicotina passa nel latte materno e ne altera la produzione. Il bambino può diventare irritabile, piangere e manifestare insonnia a causa della nicotina.
è constatato che se le madri prendono tisane contenenti camomilla, verbena, liquirizia, finocchio ed estratto di limone tre volte al giorno (150 ml per dose), il pianto dei bambini è ridotto. Dal momento che le tisane non si presentano in dosi o formule standard, è bene consultare un medico prima di tentare questa strategia;  così facendo il bambino riduce il pianto;

massaggio coliche

Cosa non fare per curare le coliche del neonato
• Non smettere di allattare. La colica si verifica sia nei bambini allattati artificialmente sia nei bambini allattati al seno.
• Trattamenti chiropratici non hanno dimostrato benefici nel trattamento delle coliche mentre i trattamenti osteopatici sono efficaci.
• Il massaggio al neonato migliora significativamente i sintomi.
• Il latte artificiale fortificato con fibre non riduce il pianto dei neonati allattati artificialmente.
• L’uso di culle vibranti non riduce il pianto.
Come ridurre le coliche del neonato
Viene naturale chiedersi se ci sono altri modi per ridurre le coliche. La risposta è sì anche se nessuno è stato scientificamente testato:
• posizionare il bambino in prossimità di un aspirapolvere. Il rumore bianco si suppone possa lenire il bambino;
• posizionare il bebè con colica in diversi modi ma in grado di premere sul suo stomaco, comprimendo così il dolore;
• portare il bambino a fare un giro in auto o passeggino;
• utilizzare la fascia;
• utilizzare farmaci omeopatici e piante medicinali con l’assenso del pediatra. Argilla verde per attenuare le coliche
Il massaggio può essere un utile rimedio per prevenire le coliche, ma anche per dare sollievo al neonato quando è in preda a una crisi. Con pochi e semplici gesti possiamo aiutare i piccolini a star meglio.
Care mamme dopo aver letto il nostro articolo vi consigliamo di dare un’occhiata al nostro sito , dove troverete tantissimi articoli per il vostro bambino LUXURYKIDS

 

Lascia un commento

Ricorda che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Carrello

Congratulazioni! Il tuo ordine ha diritto alla spedizione gratuita Mancano solo $89 per la spedizione gratuita
Non ci sono altri prodotti disponibili per l'acquisto