Questo sito non supporta completamente il tuo browser. Ti consigliamo di utilizzare Edge, Chrome, Safari o Firefox.
Congratulazioni! Il tuo ordine ha diritto alla spedizione gratuita Mancano solo $89 per la spedizione gratuita

La sigaretta elettronica in gravidanza e allattamento.

La sigaretta elettronica in gravidanza e allattamento.

La sigaretta elettronica in gravidanza e allattamento.

Molte donne in attesa pensano che la sigaretta elettronica sia un alternativa a quella tradizionale, ma non è cosi.Dalla loro uscita sono state oggetto di tante convinzioni, come essere piu’ sicure e essere un buon  buon motivo per aiutare a smettere di fumare e per questo molte donne in gravidanza si sono convinte che potesse essere una valida alternativa a quelle normali. Ma molti esperti l’hanno sconsigliato perché anche loro contengono nicotina che comunque creano dipendenza e causano rischi al feto.

Come funziona la sigaretta elettronica?

Le sigarette elettroniche sono formate da una batteria, un dispositivo di riscaldamento e una cartuccia per trattenere il liquido. Quest’ultimo è composto da vari aromi e sostanze chimiche, tra cui la famigerata nicotina.

Sigaretta elettronica in gravidanza: fa male?

Le sigarette elettroniche potrebbero comunque arrecare danni al feto. I rischi a cui si va incontro includono potenziali danni al cervello, al sistema immunitario e ai polmoni. A costituire un pericolo, oltre alla nicotina, ci sono anche alcuni degli aromi utilizzati. Nelle sigarette elettroniche spacciate dalle aziende come prive di nicotina Per questo in gravidanza , sarebbe meglio starne alla larga.

In allattamento

La nicotina una volta inalata entra nel sangue e poi passa facilmente nel latte materno, che essendo la principale fonte di nutrimento di un neonato, rischia di diventare potenzialmente dannosa.

Uno studio ha dimostrato che questo può influire sullo sviluppo del piccolo, aumentando il rischio di avere problemi alla tiroide o di sovrappeso oppure alterare i suoi ritmi sonno-veglia. La nicotina riduce a sua volta l’apporto di latte nelle madri che allattano, probabilmente abbassando i livelli di prolattina, l’ormone che ne stimola la produzione. Alcuni studi suggeriscono di fumare lontano dagli orari dell’allattamento così da avere il tempo di smaltire la nicotina, non esporre il bambino al fumo passivo e lavare le mani dopo aver fumato.

Lascia un commento

Ricorda che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Carrello

Congratulazioni! Il tuo ordine ha diritto alla spedizione gratuita Mancano solo $89 per la spedizione gratuita
Non ci sono altri prodotti disponibili per l'acquisto