Questo sito non supporta completamente il tuo browser. Ti consigliamo di utilizzare Edge, Chrome, Safari o Firefox.
Congratulazioni! Il tuo ordine ha diritto alla spedizione gratuita Mancano solo $89 per la spedizione gratuita

Come spiegare l'adozione ai bambini: Consigli.

Come spiegare l'adozione ai bambini: Consigli.

Come spiegare l'adozione ai bambini: Consigli

L'adozione è un tema delicato sia per chi vive l'esperienza in prima persona, sia per chi gli sta accanto. Ma come parlare di adozione a scuola e in famiglia?

Come spiegare l'adozione a un bambino adottato

L'adozione è un tema complesso, che va affrontato tenendo in considerazione di volta in volta le specificità del bambino e dei genitori. «Quel che è essenziale però - spiegano le esperte - è che il discorso venga affrontato in tempi relativamente brevi e in modo chiaro e trasparente: un racconto sereno di questo fatto aiuta il bambino da un punto di vista psicologico e psichico, anche in vista di una vita socio-relazionale futura».
·Non improvvisate. Per affrontare il tema con naturalezza e serenità non si può improvvisare: «I genitori adottivi hanno paura che, parlando dell'adozione, il bambino poi possa rifiutarli o che si rompa la relazione fino a quel momento costruita. Paure comprensibili, ma infondate perché per un bambino è molto più importante il vissuto quotidiano. Le parole che userete, però, sono fondamentali perché il bambino le farà sue per raccontare la propria adozione a se stesso e agli altri».
·Fatelo sentire voluto. Una storia di adozione rischia di aprire dubbi sull'essere stato rifiutato o abbandonato. «Mettete invece in evidenza l'altra verità, ovvero quanto il bambino sia stato voluto e sia amato e pensato: una frase come "Io e papà ti abbiamo aspettato tanto" è molto efficace nello spiegare questa cosa».
·Raccontategli le sue origini. L'adozione potrebbe rappresentare una spaccatura nella storia del bambino e gettare un'ombra sul suo passato. «Provate a mettere in relazione il prima e dopo che esistono in un'esperienza di adozione per ricondurre a unità la storia del bambino: spesso è utile parlare di una "mamma di pancia" e di una "mamma di cuore"».
·Nessuno spazio al senso di colpa. L'idea di "mamma di pancia" e "mamma di cuore" è significativa anche perché non dà giudizi di valore sulle due figure: «Evitate sempre di passare l'idea, anche indiretta, che il bambino abbia una mamma "cattiva" e una "buona" e che sia stato abbandonato o rifiutato». 
·Cercate alleanze. Avvisate della situazione educatori e insegnanti, affinché tutti gli ambienti educativi attorno al bambino siano attenti ed eventualmente pronti ad affrontare l'argomento con lui o con l'intera classe.

Come parlare di adozione a scuola e in famiglia

Anche in classe e in famiglia è importante non essere impreparati.
1.Aspettate le loro domande. Quando parlarne? L'ideale sarebbe «aspettare le loro domande, o al massimo anticiparle ma non di troppo: sappiate che il tema di solito salta fuori alla scuola dell'infanzia, quando i bambini iniziano a scoprire il mondo anche fuori dalla loro famiglia attraverso confronti e paragoni con i loro compagni».
2.Non evitate l'argomento. «Ricordate sempre che le domande dei bambini, anche le più "impertinenti", sono fatte genuinamente per la curiosità di sapere come stanno le cose. L'importante è dare loro delle risposte: non proteggiamo nessuno non rispondendo anzi, li invogliamo solo ad andare a cercarle altrove. E anche concetti lontani e diversi dalla propria esperienza, così come le emozioni negative o contrastanti, è bene iniziare ad affrontarle».
3.Usate immagini quotidiane. «Sfruttate molto la quotidianità e metafore pratiche per spiegare l'adozione, come ad esempio: "Vedete? Quella mamma lì ha il pancione perché sta aspettando un bambino; altri invece arrivano già nati e vanno in famiglie dove sono stati tanto aspettati e diventano i loro bambini».
4.Con un fratello. Se in classe o in famiglia c'è un fratello o una sorella primogeniti in attesa di un fratellino adottato, sarà bello lavorare sulle aspettative: "Certamente saranno concentrati su come si aspettano il nuovo arrivato, ma fateli ragionare anche sul fatto che pure il fratellino ha delle aspettative su di loro: "Tu come te lo immagini il tuo nuovo fratello? E lui secondo te come ti immagina?"».

Attività per parlare di adozione

·Attività per parlare di adozione scuola materna. «Alla scuola dell'infanzia sfruttate i grandi giochi imitativi sulla famiglia, in cui i bambini si danno i ruoli e si travestono. Sono modalità naturali che usano per darsi delle risposte: allenano la loro empatia, perché si mettono nei panni di un'altra persona».

·Attività per parlare di adozione scuola primaria. «Usate invece lo strumento della narrazione per i bambini dai 6 agli 8 o 10 anni: divideteli per esempio a gruppetti e date loro delle parole chiave con cui costruire una storia. Il lavoro di gruppo li aiuterà a sviluppare l'argomento e magari sarà lo spunto per condividere qualche esperienza personale in merito. Poi fate loro raccontare o fate mettere in scena di fronte al resto della classe quanto hanno prodotto».

Care mamme dopo aver letto il nostro articolo vi consigliamo di visitare il nostro sito Lukurykids.

Lascia un commento

Ricorda che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Carrello

Congratulazioni! Il tuo ordine ha diritto alla spedizione gratuita Mancano solo $89 per la spedizione gratuita
Non ci sono altri prodotti disponibili per l'acquisto